Denunciati e censurati

Quello che ora vi raccontiamo è ridicolo. Farebbe ridere se non fosse successo veramente.
Oddio, non è proprio vero, in realtà abbiamo riso. E anche tra le divise blu qualche risata è scappata.
Una storia di arroganza da distintivo, che però è meglio non seppellire con una risata e raccontare. Una storia che speriamo di poter raccontare meglio quando avremo a disposizione più materiale giudiziario.

E’ il 14 Novembre 2016 e intorno alle 15,30 alcuni signori inviati dalla Procura della Repubblica di Oristano bussano alle case di tre nostri compagni con in mano un foglio il cui oggetto è “Biglietto di invito”: siamo invitati a comparire in Tribunale il 18 Novembre. Per un compagno che studia in Italia si è dovuta addirittura scomodare la Procura di Bologna.
Cosa sarà mai successo? Non abbiamo ricordo di situazioni di piazza in cui ci siamo fatti prendere la mano o altri fatti rilevanti.
La mano a quanto sembra ce la siamo fatta prendere sulla tastiera del pc. In tribunale scopriamo, infatti, che sono in corso delle indagini sul nostro blog https://lafuriarossa.noblogs.org/. C’è stata una querela contro ignoti e siamo ascoltati come persone informate sui fatti.
Un articolo pubblicato il 22 Gennaio 2015 ha infastidito qualcuno.
Da quel che siamo riusciti a capire questa denuncia in un primo momento è finita nel cestino: troppo ridicola, c’è altro cui pensare.
Il querelante (o i querelanti) capriccioso(i) non ci sta(nno) e fa(nno) opposizione.
L’offesa è troppo grossa, non potete chiuderla così!
Per capire il contenuto dell’articolo occorre tornare proprio a quella data.
Arborea, strada 22 ovest: dopo mesi di resistenza e solidarietà da tutta la Sardegna la famiglia Spanu viene sfrattata dopo che la sua proprietà fu messa all’asta e venduta al solito avvoltoio per meno di un quarto del suo valore. Quel che si vede in quella strada ha dell’incredibile: “a ruota sono arrivati i carabinieri e i poliziotti in assetto antisommossa, avanguardia di un numero imprecisato di carabinieri, poliziotti, vigili urbani e forestali a blindare l’azienda e perfino un elicottero della polizia più una squadra dei vigili del fuoco, due ambulanze, un carro attrezzi e una autocolonna di camion per caricare gli animali e i beni della famiglia Spanu”, così scrive la Nuova Sardegna il 23 Gennaio 2015. “La guerra di Arborea: in cento contro una famiglia” titola il videoreportage di CagliariPad (http://www.cagliaripad.it/videogallery.php?page_id=1434). A quella giornata seguiranno denunce e condanne per tanti solidali che erano lì a opporsi coi propri corpi all’arroganza dei signori dell’ordine.
La sera stessa con tanta rabbia in corpo abbiamo scritto un piccolo articolo sul nostro blog: “SFRATTI E SGOMBERI. E’ ORA DI ORGANIZZARSI”.
Scrivevamo a chiare lettere chi erano i responsabili di quel blitz e brevemente analizzavamo la situazione sfratti in provincia di Oristano. L’articolo si apriva imputando la violenza dello Stato, in quella specifica situazione ai tre soggetti coordinatori, di cui si faceva nome e cognome: il questore di Oristano, il capo della Digos di Oristano e il primo dirigente. Non riportiamo l’intera introduzione perché la follia potrebbe portare a una deroga delle indagini; vi rimandiamo a quanto ne rimane (non per volontà nostra) nell’anteprima: https://lafuriarossa.noblogs.org/post/2015/01/.
Un commento duro, sicuramente, ma di certo non più duro del blitz mattutino; un commento che riteniamo non vada oltre i limiti della libertà di scrivere ciò che pensiamo; una opinione politica che non accettiamo possa essere ridotta in termini di codice penale.
Quel piccolo pezzo, comunque. dovrebbe essere la parte incriminata.
Non sappiamo se il querelante sia stato solo il signor Questore o anche gli altri due colleghi ma a quanto pare questi soggetti non sono avvezzi alle critiche: se li critichi vieni denunciato.
Come se non bastasse nel Gennaio 2016 i signori in questione ottengono da parte della magistratura la cancellazione forzata dell’articolo e la pagina viene oscurata.
Una censura politica in piena regola dal sapore arcaico.

Signori, il crimen laesae maiestatis è stato abrogato da un pezzo.
Tornate sulla terra.

This entry was posted in General, PROCESSO FURIA ROSSA, REPRESSIONE&CONTROLLO SOCIALE. Bookmark the permalink.

Lascia un commento